AZIENDE

21 agosto 2017

Idee e soluzioni hi-tech

Da 23 anni Alpha Progetti è attiva nella progettazione di macchine e relativa componentistica destinate a svariati settori applicativi, tra i quali quello delle macchine utensili e dei transfer. La società bresciana si distingue per l’alto contenuto tecnologico delle sue soluzioni.



di Ernesto Imperio ed Ezio Zibetti

Alpha Progetti, con sede a Gussago (BS), è uno studio tecnico di progettazione che opera nei settori della meccanica strumentale e dell’automazione industriale per lo sviluppo di soluzioni prototipali e ingegnerizzate caratterizzate da una forte valenza innovativa. Fondata nel 1994 da Mauro e Piero Verzeletti con la volontà di orientare le proprie competenze maturate in precedenti esperienze lavorative verso il settore dei transfer e delle macchine utensili speciali, Alpha Progetti ha esteso via via il suo raggio d’azione rivolgendosi anche ad altri settori applicativi, dalle macchine utensili standard alle macchine di deformazione plastica massiva, dalle macchine laser per la lavorazione della lamiera alle soluzioni automatiche per l’assemblaggio, alle macchine per il packaging e, ancora, ai sistemi di movimentazione pezzi, ai sistemi di carico/scarico e alle attrezzature ausiliarie che vengono abitualmente impiegate nei suddetti macchinari. Nel corso degli anni il focus dell’attività si è esteso dal settore della progettazione e sviluppo, che rappresenta storicamente l’elemento di eccellenza di Alpha Progetti, alla realizzazione di prototipi virtuali e prototipi fisici funzionanti e allo studio del design. Nello specifico, la società bresciana si avvale della collaborazione di alcuni tra i più affermati studi di design per fare in modo che ogni soluzione sviluppata, con le sue innovazioni delle parti meccaniche ed elettroniche, sia affiancata da studi di ottimizzazione relativi all’ergonomia, all’immagine del prodotto e dell’azienda; il tutto nell’intento di realizzare il giusto equilibrio tra aspetti tecnici, funzionali ed estetici del macchinario. Alpha Progetti si avvale di una quarantina di collaboratori interni, essenzialmente tecnici e ingegneri, suddivisi in sette gruppi di lavoro, ognuno dei quali copre le esigenze progettuali e ingegneristiche di alcuni settori applicativi ma, al tempo stesso, i gruppi condividono tra loro il proprio avanzato know how relativo a tutte quelle tecnologie che possono essere applicate trasversalmente ai diversi progetti in itinere.

«Quello che contraddistingue i nostri gruppi e l’intera azienda – esordisce il titolare Mauro Verzeletti – e che ci consente di instaurare con il cliente un vero e proprio rapporto di partnership basato sull’innovazione è la grande attenzione verso le tecnologie avanzate che sono la base per un progetto di successo. Un successo che, da un lato, premia il nostro impegno e la nostra professionalità e dall’altro lato, ancora più importante, rafforza la competitività del cliente. Questa multidisciplinarietà che garantiamo nello sviluppo di qualsiasi progetto viene molto apprezzata dai nostri clienti, perché affidare a una società di ingegneria esterna la progettazione di una macchina nuova, o il revamping di un macchinario già esistente, consente al cliente di mantenere una struttura interna più snella e flessibile, sapendo di potersi affidare a un partner che dispone di competenze tecniche qualificate e diversificate. Competenze che nel nostro caso, lo sottolineo ancora, vengono continuamente arricchite dai precedenti progetti realizzati e dallo spirito di anticipazione tecnologica che accomuna tutti i nostri progettisti presenti in Alpha Progetti. Si tratta di giovani che si formano con una mentalità dinamica, rivolta sempre all’innovazione tecnologica; la stessa mentalità con la quale sono cresciuto io».

Alpha Progetti e il mercato

Il processo di innovazione che Alpha Progetti attua nello sviluppo di tutti i progetti prende spunto dalla richiesta del cliente e dalle sue esigenze produttive. Partendo dalle prime idee condivise dal team di professionisti di Alpha Progetti, si giunge alla progettazione di una soluzione tecnica che deve rispondere prioritariamente alla necessità di garantire la massima efficienza della produzione; dopo le opportune verifiche, anche avvalendosi di avanzati software di simulazione tridimensionale, si passa alla realizzazione del prototipo che può essere eseguita direttamente dai tecnici di Alpha Progetti o dal cliente stesso sotto la supervisione e l’assistenza della società bresciana, che è in grado di curare anche la fase di industrializzazione della macchina o dell’impianto o del sistema di automazione sviluppato.

«Questo ciclo che definirei di progettazione innovativa – sottolinea Verzeletti – in fondo non è una prerogativa del nostro studio tecnico, ma ciò che i nostri clienti apprezzano molto è la nostra capacità di lavorare con loro in comakership per mirare al cuore del progetto e del mercato, nella consapevolezza di riuscire a realizzare soluzioni che sono allo stato dell’arte della tecnologia. Ciò spiega la grande mole di lavoro che oggi abbiamo; lavoro che ha visto un’impennata verso la fine del 2016 e i primi mesi del 2017 anche sotto la spinta degli incentivi e delle agevolazioni fiscali del governo italiano in ordine al Piano Nazionale Industria 4.0. Grazie a questa lungimirante iniziativa del governo abbiamo ricevuto un picco di richieste per la progettazione di nuove macchine utensili e sistemi di automazione, o rivisitazione di quelli funzionanti, che ci hanno spinto a intensificare le nostre attività di Ricerca & Sviluppo e a fare ulteriori investimenti».

I settori della macchina utensile, dell’automazione in generale e del packaging sono quelli che la società bresciana vede più attivi in questi ultimi anni; settori che, peraltro, sono segnati da una fase di reshoring, cioè le aziende italiane stanno lasciando i Paesi a basso costo di manodopera riportando nel proprio le produzioni, e per fare ciò è necessario ripensare le fabbrica con un più alto tasso di automazione. In particolare, nell’ambito della macchina utensile, Alpha Progetti sta lavorando per costruttori italiani di prestigio nello sviluppo di fresatrici, centri di lavoro e fresalesatrici di medio-grandi dimensioni e di attrezzatura avanzate, come le teste birotative continue.

«Sono progetti molto ambiziosi – aggiunge Verzeletti – che arricchiscono anche la nostra azienda e che, attraverso i nostri clienti, ci proiettano in settori applicativi strategici come quello aeronautico o automotive. Altri ambiti tecnologici in cui siamo fortemente coinvolti sono quelli delle macchine per la produzione additiva in metallo e delle macchine per la lavorazione della lamiera con laser in fibra. Attualmente, abbiamo in corso per conto di un’azienda la progettazione della parte meccanica di una macchina di additive manufacturing. In questo settore notiamo una tendenza alla macchina di produzione in grado di lavorare anche senza presidio e integrabile a monte e a valle con il resto dell’impianto. Sul fronte macchine laser in fibra stiamo portando avanti un progetto, per il quale abbiamo richiesto un finanziamento al programma europeo Horizon 2020, che prevede l’impiego di una testa di taglio brevettata ad assi ridondanti con prestazioni cinematiche e dinamiche più spinte rispetto a quelle disponibili sulle attuali macchine. Anche questo è un progetto molto innovativo sul quale stiamo lavorando in collaborazione con università per le problematiche legate al software di gestione della macchina. Altri filoni tecnologici di interesse attuale a cui si sta lavorando in Alpha Progetti sono: gli impianti per la lavorazione delle fibre di carbonio; gli impianti per lo sviluppo delle nanotecnologie applicate al settore automotive».

I rapporti di Alpha Progetti con le università per sviluppo di studi, lavori e tesi, e con gli istituti scolastici superiori per lo svolgimento di stage nell’ambito del programma di alternanza scuola/lavoro sono oggetto di grande attenzione da parte del management della società bresciana in quanto ritenute iniziative importanti ai fini della creazione dei professionisti del futuro. Verzeletti non nasconde di poter creare, un giorno, una sorta di Academy interna per fare formazione continua, ma in attesa di poter disporre di risorse adeguate a tale scopo la formazione dei propri collaboratori oggi avviene sul campo privilegiando giovani, tecnici o laureati, senza esperienza lavorativa, che possano così formarsi con uno skill professionale allineato al modus operandi della Alpha Progetti, fortemente orientato all’innovazione tecnologica, alla Ricerca & Sviluppo e al lavoro in multitasking.