Articoli

Monitoraggio IoT della produzione: Alcar Ruote punta su Oracle

Specializzata nella produzione di cerchioni in acciaio per automobili, Alcar Ruote ha scelto Oracle ERP Cloud per una piattaforma che coinvolge finance, supply chain, manutenzione e monitoraggio IoT della produzione

Monitoraggio IoT della produzione, ma anche manutenzione, supply chain e finance. Sono le attività di Alcar Ruote coinvolte nel progetto Oracle ERP Cloud. Alcar Ruote è parte di Alcar, multinazionale dell’automotive che ha rete di distribuzione e consociate commerciali in tutta Europa. Alcar Ruote in particolare produce cerchioni in acciaio per automobili: un ambito in cui la richiesta di prodotto ha una stagionalità importante, legata al periodo di passaggio ai set di pneumatici invernali, concentrata principalmente tra settembre e dicembre.

Per affrontare senza difficoltà i periodi di picco, l’azienda si affida a sistemi di forecasting legati alle previsioni di vendita del settore che possano quindi consentire di programmare la produzione. A tal fine, Alcar Ruote ha adottato in particolare Oracle IoT Production Monitoring e Manteinance Cloud, soluzioni che consentono di connettere le linee produttive, i dati che da esse sono raccolte a fini di monitoraggio IoT della produzione in continuo, con individuazione in ottica predittiva di potenziali esigenze di manutenzione, aiutando anche a garantire maggiore elasticità e capacità di ripianificazione della produzione.

Monitoraggio IoT della produzione per superare l’emergenza Covid

“Quando ci siamo trovati ad affrontare l’emergenza Covid questa flessibilità è diventata ancora più importante” ha spiegato Stefano Mariani, IT Manager di Alcar Ruote. “Abbiamo avuto pesanti impatti sulla domanda e affrontato la sfida di garantirci continuità produttiva a fronte di una situazione che ha messo alla prova anche la  gestione del personale. In un’azienda come la nostra le squadre al lavoro per mantenere operativa una linea produttiva sono composte da personale molto specializzato, che non è semplice coprire in caso di assenze che si verificano con maggior frequenza a causa di quarantene e malattia. Avere un sistema integrato che da un lato aggiorna in tempo reale le informazioni per adeguare la pianificazione e dall’altro supporta la continuità operativa dell’impianto si è rivelato un asset fondamentale in questi mesi”.

Mariani ha inoltre evidenziato che avendo adottato la soluzione cloud Oracle è stato possibile dotare di “cruscotti di controllo” remoti il personale, e così gestire meglio l’esigenza di equilibrare presenze in stabilimento e necessità di distanziamento fisico senza rinunciare al monitoraggio IoT della produzione.

Monitoraggio IoT della produzione, una digitalizzazione abilitata dal cloud

“Le catene del valore hanno vissuto uno sconvolgimento senza precedenti, con pesanti impatti sui processi di approvvigionamento, sulla logistica e sulla gestione dell’operatività. Si sono dovute compiere scelte complesse anche in termini di risorse umane, per armonizzare il lavoro che è possibile remotizzare con il lavoro che, per la natura di questi processi, per forza di cose non lo è” ha commentato Simone Marchetti di Oracle, Responsabile Business Development della Digital Supply Chain introducendo l’incontro in cui è stata presenta l’esperienza di Alcar Ruote. Di fatto, nel momento dell’emergenza sanitaria, è accaduto qualcosa che ha evidenziato il valore dell’investimento in una digitalizzazione abilitata dal cloud. “Un percorso già iniziato per ricercare ottimizzazione ed efficienza – ottenendo più visibilità sulla catena del valore e informazioni con cui rendere più agili le decisioni, più rapide le reazioni, più strette le relazioni con clienti e fornitori – ha aiutato a dare migliore risposta alla crisi, con strumenti cloud che Oracle ha aggiornato espressamente per introdurre funzioni vicine alle esigenze del momento” ha sottolineato Marchetti.