News

Tebis alla Bi-MU 2020, aumentare la produttività in tempi di smart working e distanziamento

In occasione della fiera 32. Bi-MU 2020 (pad. 11, stand F38) punta tutto sulla rivisitazione del tempo e dello spazio nei processi produttivi con un’offerta completa di trasformazione digitale.

Mai come oggi la gestione del tempo è diventata cruciale e nel contempo lo spazio si è dilatato nelle distanze dello smart working: serve una soluzione che permetta di aumentare la produttività, eliminare gli sprechi di tempo, standardizzare i processi, limare le complessità, monitorare da remoto e lavorare in modalità non presidiata. Tutti concetti che hanno un unico comune denominatore: la digitalizzazione dei processi produttivi. Che è anche il cuore della nuova offerta software Tebis.

Il tema della digitalizzazione dei processi è qualcosa al quale le aziende manifatturiere hanno iniziato ad abituarsi a partire dall’avvento dell’Industria 4.0 ma del quale hanno capito davvero la portata solo negli ultimi mesi, quando l’emergenza sanitaria ha bruscamente obbligato tutti a fare i conti con la propria organizzazione interna e a pagare il prezzo di una trasformazione troppo a lungo rimandata. Il concetto di aumento della produttività che è alla base della spinta alla trasformazione digitale oggi si è arricchito ulteriormente: è proprio grazie alla digitalizzazione che le aziende hanno potuto ripartire più velocemente e hanno trovato le risorse necessarie per rispondere efficacemente ad esigenze prima sconosciute quali il distanziamento sociale o lo smart working.

Digital twins per processi affidabili di simulazione e controllo collisione, interfacce di scambio dati ad alte prestazioni, template per programmazioni CNC automatizzate, soluzioni MES per il controllo e la pianificazione della produzione da remoto: tutti questi strumenti possono davvero fare la differenza per uscire a testa alta da una fase di emergenza. A tutte le aziende manifatturiere che vogliono affacciarsi al panorama della produzione digitalizzata Tebis offre un percorso completo che si snoda attraverso tre tappe fondamentali: la digitalizzazione dell’ambiente di produzione, la digitalizzazione del know-how di produzione e infine la digitalizzazione dei processi produttivi. Completano l’offerta un team di specialisti nell’implementazione e nella consulenza capaci di guidare ogni fase del percorso e di impostare correttamente fin dal principio il processo di trasformazione aziendale.

La digitalizzazione Tebis dell’ambiente di produzione ha come obiettivo principale quello di rappresentare in forma di gemelli digitali tutti i componenti dell’ambiente di produzione reale e di raggrupparli in librerie dedicate. Ogni macchina presente in officina viene trasposta nel software in scala 1:1 comprensiva di cinematica e di tutti i parametri reali; nella libreria utensili vengono immagazzinati tutti gli utensili reali, completi di valori di taglio e caratteristiche. La virtualizzazione interessa anche i dispositivi di serraggio e tutti gli accessori, quali mandrini, lunette e punte o tavole macchina, estensioni e divisori. Gli esperti Tebis dell’implementazione on-site si occupano inoltre di sviluppare post processori personalizzati che avranno il compito di verificare la perfetta corrispondenza tra le operazioni sui centri di lavoro e quelle dei rispettivi gemelli digitali. L’ormai nota tecnologia di simulazione Tebis permette di apprezzare immediatamente i vantaggi di questo primo fondamentale step.

In un panorama di software di simulazione che slegano la programmazione dalla macchina e obbligano quindi a una verifica postuma del codice CNC, Tebis si distingue nettamente perché offre una soluzione completamente integrata con programmazione CNC dipendente dalla macchina, verifica dei percorsi utensile nel sistema CAM e successivo post-processing. L’utilizzo di un simulatore integrato prima del post-processamento permette di individuare e correggere preventivamente tutte le possibili collisioni, snellendo la successiva programmazione CNC; i tempi macchina possono essere calcolati più agevolmente e ottimizzati al massimo; l’integrazione di nuove macchine utensili nel parco macchine esistente risulta molto più agevole ed è possibile organizzare cicli di lavoro in modalità non presidiata.

Completata la fase della digitalizzazione dell’ambiente di produzione, l’approccio sviluppato da Tebis prevede di passare alla seconda fase: quella della digitalizzazione del know how di produzione, il cui obiettivo è quello di memorizzare le competenze produttive aziendali e di renderle disponibili in qualsiasi momento a tutto il personale interessato. La strategia digitale Tebis consente di memorizzare specifici template geometrici per la progettazione e la preparazione alla produzione, strategie collaudate di lavorazione, sequenze CNC standardizzate, template CNC per attività di produzione ripetitive e template per la documentazione CNC. I vantaggi di tale operazione sono evidenti soprattutto per le aziende – e sono molte – che oggi lamentano la mancanza di personale qualificato e la difficoltà a reperire internamente informazioni sulle competenze presenti in officina. Standardizzare il lavoro sicuramente accorcia i tempi di programmazione a vantaggio di una crescita negli ordinativi, ma consente anche di eliminare l’errore umano e di inserire più rapidamente i neoassunti nei processi operativi pur preservando la qualità del risultato finale. Soprattutto in tempi di distanziamento sociale e di lavoro da remoto, serve una maggior specializzazione e la possibilità di automatizzare facilmente i singoli passaggi del processo: il perfetto coordinamento delle attività di tutti i reparti interessati è un bene assolutamente necessario per fronteggiare momentanee carenze di personale, situazioni critiche, fluttuazioni del mercato e variabilità degli ordinativi.

L’offerta Tebis per le aziende che desiderano approcciare la produzione digitalizzata si completa di un ultimo fondamentale passaggio: la digitalizzazione dei processi di produzione. Se il concetto di “gemello digitale” è presente già da tempo nel mondo della produzione, è invece relativamente nuova l’idea di applicare questo approccio anche ai processi e alla loro esecuzione. L’obiettivo di Tebis è quello di automatizzare non solo le attività CAD/CAM, ma l’intera produzione e lo strumento necessario per ottenerlo è un sistema MES (Manufacturing Execution System) che permetta di pianificare, gestire e controllare i vari passaggi del processo con assoluta precisione. Ma dal momento che una produzione di stampi e componenti meccanici su piccole serie presenta peculiarità diverse da quelle di altre attività produttive, è necessario adottare un prodotto che conosca alla perfezione il settore applicativo.

Il MES ProLeiS di Tebis rappresenta la piattaforma software ideale perché è stato sviluppato specificamente per la produzione di pezzi unici e può essere adattato con flessibilità alle differenti esigenze della produzione di stampi e modelli. Offre una rappresentazione dettagliata dell’intero processo di esecuzione della commessa, comprensiva di tutti gli aspetti economici, tecnici e organizzativi. Allo stesso tempo, il software collega e integra i sistemi, le risorse, i reparti e i processi necessari per la produzione dei componenti richiesti. Dalla direzione del progetto fino alle lavorazioni in officina, tutte le attività vengono gestite con un unico sistema, che integra sia il software CAD/CAM di Tebis che i dati dell’ambiente ERP.

production mode