Canali

Sandvik e Renishaw collaborano per la qualifica di nuovi materiali per la produzione additiva

Le due società stanno collaborando per qualificare nuovi materiali per la produzione additiva (AM) utilizzabili per un ampio spettro di applicazioni. Si tratta di una gamma diversificata di polveri metalliche, tra cui nuove composizioni di leghe ottimizzate per il processo di fusione laser a letto di polvere (LPBF) e che offrono proprietà di altissima qualità.

Sandvik possiede uno dei più ampi programmi di produzione di polveri di leghe metalliche additive sul mercato – e lavora con i sistemi Renishaw AM dal 2018 nella sua divisione denominata Sandvik Additive Manufacturing. Durante questo periodo, le due aziende hanno collaborato allo sviluppo di parametri di processo per una gamma di polveri metalliche Sandvik, inclusi acciai inossidabili e maraging, nonché le ultime superleghe a base di nichel Osprey. Sandvik ha recentemente inaugurato un atomizzatore all’avanguardia per la produzione di leghe di titanio e un impianto per il trattamento delle polveri, e ora si concentrerà sulla qualificazione di queste leghe per applicazioni industriali e mediche.

«Forte dei nostri 157 anni di profonda conoscenza dei materiali, e con la nostra produzione di una gamma completa di acciai, acciai inossidabili duplex e super-duplex, nonché leghe a base di nichel e le nuove polveri di titanio, attualmente Sandvik è in grado di offrire la più ampia varietà di materiali per il mercato AM attraverso il marchio Osprey», ha affermato Mikael Schuisky, Vice President R&D and Operations, Sandvik Additive Manufacturing. «Le macchine aperte di Renishaw ci hanno permesso di ottimizzare rapidamente i parametri di processo per le nostre leghe da utilizzare in un ampio ventaglio di applicazioni».

Questo lavoro centrato sullo sviluppo di parametri ha messo in evidenzia le piccole ma importanti modifiche da apportare alla composizione delle leghe Sandvik, pur rimanendo all’interno delle relative specifiche ASTM, per ottimizzare le proprietà meccaniche dei componenti LPBF. Per esempio, un acciaio maraging con una maggiore resistenza e durezza, e una superlega di nichel Osprey HX esente da cricche.

«Gran parte dell’innovazione in ambito AM nei prossimi anni deriverà dalla combinazione di migliori prestazioni a livello macchina e dalle leghe sempre più perfezionate», ha spiegato Stephen Crownshaw, Business Manager AM Renishaw. «Leghe migliori significano migliori proprietà dei materiali, consentendo componenti AM ancora più efficienti ed economici. La coerenza dei più recenti sistemi AM di Renishaw, unita alla competenza Sandvik sui materiali, offre enormi opportunità per progredire nei processi AM e creare un business case più forte per AM».

Oltre alla qualifica di materiali per la vendita ad altri produttori, Sandvik Additive Manufacturing ha sviluppato una gamma di applicazioni per la produzione additiva.

«AM sta trasformando il panorama manifatturiero attraverso materiali e macchinari migliori che sono proprio alla base di questo cambiamento», ha aggiunto Schuisky. «Con la sua esclusiva conoscenza del processo end-to-end – che comprende materie prime, produzione di polveri, produzione additiva e metodi di post-processing come le lavorazioni meccaniche industriali – Sandvik ci consente di essere perfettamente in grado di aiutare produttori e clienti guidandoli nell’utilizzo di questa entusiasmante tecnologia. Gli ultimi sistemi quad-laser di Renishaw ci aiutano anche a sfruttare appieno il potenziale di AM».